mercoledì 14 febbraio 2007

Melis.Net

Ho appena pubblicato una piccola utility scritta in asp.net che ha, per ora, solo due classi:

  • Whois//Esempio: Whois sul dominio MelisWeb.eu //Restituisce i dati su un dominio string domainName = "MelisWeb.eu"; Melis.Net.Whois whois = new Melis.Net.Whois(domainName); Console.WriteLine(whois.GetResult()); string title = "Il dominio " + whois.DomainName.ToUpper() + " risulta "; if (whois.IsAvailable) title += "DISPONIBILE"; else title += "NON DISPONIBILE"; Console.WriteLine(title);
  • ReverseLookup

Link al Progetto: Melis.Net
Link diretto al Download: Download

mercoledì 7 febbraio 2007

Versione del Framework dotNet installato/configurato sul server

Un po' di tempo fa avevo bisogno di sapere cosa Aruba aveva configurato, sul mio spazio web e nei sotto progetti, come Framework. Allora mi sono creato questa piccola paginetta senza Codebehind per poterla far funzionare sia in dotNet 1.x che in dotNet 2.x:

<%@ Page Language="C#" %>
<%@ Import Namespace="System" %>
<%@ Import Namespace="System.IO" %>
<%@ Import Namespace="System.Reflection" %>
<script language="C#" runat="server">
protected void Page_Load(object sender, EventArgs e)
{
   Type myType = Type.GetType("System.AppDomain");
   litInfo.Text = myType.Assembly.FullName.ToString() + "<br/>"; litInfo.Text += "<br/>";
   litInfo.Text += DateTime.Now.ToString() + "<br/>";
   litInfo.Text += "<br/>";
   litInfo.Text += System.Globalization.CultureInfo.CurrentCulture.ToString() + "<br/>";
   litInfo.Text += "<br/>";
   litInfo.Text += System.Globalization.CultureInfo.CurrentUICulture.ToString() + "<br/>";
   litInfo.Text += "<br/>";
}
</script>
<!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.1//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml11/DTD/xhtml11.dtd">
<html xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml">
   <head id="Head1" runat="server">
      <title />
   </head>
   <body>
      <form id="Form1" runat="server">
         <asp:Literal runat="server" ID="litInfo" />
      </form>
   </body>
</html>

Guadagnare con un blog si può

Guadagnare con un blog si può: Chi crede che il Web non possa essere considerato un'efficace fonte di guadagno sbaglia, soprattutto se si pensa alle grandi potenzialità offerte da Internet a chi cerca di offrire contenuti di qualità e di nicchia. Un esempio lampante in questo senso arriva dagli Usa dove un blogger, John Chow, ha pubblicato un post nel quale racconta che, nel solo mese di gennaio, ha guadagnato ben oltre 3.000 dollari. Si tratta di un'escalation pazzesca per il blog di John Chow che è passato dai 353 dollari di settembre 2006 ai 3440 dollari di gennaio 2007 e per il quale i numeri non sono certo da capogiro: 255.000 pagine viste e 134.000 utenti unici al mese. I guadagni del blog di John Chow, che si occupa di come guadagnare tramite Internet, offrono interessanti spunti di discussione soprattutto per quanto riguarda l'approccio dei blogger e dei gestori dei siti italiani nei confronti delle possibilità di guadagno offerte da Internet. In primo luogo si capisce come l'America sia una spanna sopra l'Italia per quanto riguarda la percezione dei guadagni online e soprattutto per quanto riguarda le possibilità di sfruttare Internet per fare soldi. In secondo luogo, elemento ancora più importante, il fatto che pubblicità non vuol dire solo Google Adsense ma anche e soprattutto l'utilizzo di TextLinks mirati, acquistati tramite service pubblicitari, affiliazioni o dalle aziende interessante. Infine, lo "strano caso di John Chow" dimostra come negli Usa ci siano molti più investitori pubblicitari rispetto all'Italia e che questi investitori puntano ai contenuti di qualità e di nicchia, vero motore del Web e traino per i guadagni online. Vi invitiamo a leggere il blog di John Chow e nello specifico il post in cui racconta, tramite numeri e ragionamenti, il modo in cui in un mese è riuscito a guadagnare cifre incredibili con il suo blog. Fonte: DGMag

martedì 6 febbraio 2007

Frittata di Champignon e Zucchine

Oggi faccio una sorpresa alla Miky!
CUCINO IO!
Per cui stasera mi esibirò in una cenetta come si deve. Se ho voglia tirerò fuori anche il servizio di piatto buono (se lo trovo...).
Ma ieri sera, come sempre dopo la notte, ero abbastanza a pezzi. Per cui ho fatto una frittata che risolve la cena in un battibaleno.

Ingredienti: 8 Uova, 300g di Funghi Champignon, 40g di Formaggio Parmigiano Grattugiato, 3 Cucchiai di Latte, 2 Spicchi di Aglio, 2 Zucchine, 2 Cucchiai di Semi Di Sesamo, un Rametto di Timo, 60g di Burro, Sale e Pepe.
Preparazione: Mondate i funghi, privandoli della parte terrosa, lavateli, affettateli e, in un tegame, fateli cuocere per una ventina di minuti insieme con 30 g di burro e l'aglio, che poi eliminerete. Unite le zucchine (spuntate, pulite e tagliate a rondelle sottili), il timo, sale e pepe a piacere, e continuate la cottura per una decina di minuti, poi lasciate intiepidire. In una ciotola, sgusciate le uova e sbattetele con il formaggio, 3 cucchiaiate di latte e un pizzico di sale e pepe. Aggiungetevi i funghi e le zucchine, mescolate bene e versate il tutto in un tegame antiaderente in cui avrete fatto sciogliere il burro. Cuocete la preparazione a fuoco moderato per un paio di minuti, poi cospargete con il sesamo, copritela con un coperchio e cuocetela fino a quando risulterà rassodata. Mettete il tegame sotto il grill del forno (avendo cura di rivestire il tegame di carta stagnola) e cuocete la fritta finchè risulterà dorata.

Ubuntu vista verso il FUTURO (Addio Windows!!)

Venerdì stavo bloggettando alla ricerca di informazioni sul nuovo sistema operativo della Microsoft, Windows Vista, quando mi sono ri-imbattuto in UBUNTU(nome da uomo nero...).
Su YouTube avevo visto una demo F-A-N-T-A-S-T-I-C-A! (link a uno dei tanti: http://www.youtube.com/watch?v=1khObOJ2DE4)
Mi ha colpito molto un articolo pubblicato di recente sul sito di BlogPolitic che vi posto:

Io penso di essere fortunato, perchè non tutti i ragazzi nati durante gli anni 70 primi 80 sono entrati e si sono fatti trasportare da una delle più grandi rivoluzioni della storia dell'umanità: il web. Ubuntu DesktopOltretutto in alcune realtà decentralizzate come la mia dove ancora nel 2007 si viaggia a kb non è tanto facile interagire con un pc o con la blogosfera, fortunatamente mi sono trovato a studiare all'università e da due anni navigo con fastweb, non ero un esperto e non sono un esperto di computer, mi ritengo un ignorante autodidatta, inizialmente il mio windows lo veneravo come una divinità, giocandoci solamente, poi internet e cosi l'esperienza con front page, adunanza, il blog, e ore e ore di navigazione mi hanno fatto prendere coscienza che windows era una macchina per nulla perfetta, errori, lentezza,virus,malaware, soldi per software,crash,audio in palle, fino alle formattazioni. Su internet ho sempre sentito parlare di linux, per prima cosa perchè mi ha affascinato la storia del suo inventore secondariamente per tutte quelle qualità di cui tutti parlavano: niente virus, sistema stabile ed efficiente, tutto gratis, ma questi fattori eccezionali si sono sempre scontrati con la confusione che aleggia su questo sistema operativo: esistono molte versioni, i programmi sono diversi, il linguaggio è complicato, la struttura della macchina è totalmente diversa. Dubbi che mi hanno seriamente impaurito e che a mio parere impediscono la diffusione di un OS ottimo, penso che concordiate con me?! Ora io mi rivolgo proprio ai non esperti, ai miei simili, a quelli che vorrebbero linux ma che non possono per paura e incapacità a installare un sistema operativo e a trovarsi di fronte ad un modo nuovo di sfruttare il computer!

1 scaricate ubuntu da questo link (non iniziate a porvi domande se è la versione giusta! e questa è basta, non vi impaurite se non riuscite il download, potete richiedere il cd di installazione che vi verra inviato a CASA GRATIS)

2 - ottenuto il cd trovate qualcuno che sappia farlo partire col bios, anche io ho fatto cosi, alla partenza del cd non troverete codici o numeri strani ma il sistema operativo con il desktop come winzoz,potete anche navigare (ah dimenticavo niente depressioni per i driver UBUNTU RICONOSCE TUTTO!) ora avete un sistema operativo solo su cd dovete installarlo infatti c'è un'icona sul desktop con scritto installa, fa tutto lui dovete mettere nome utente impostare la vostra password e cosi via fino al punto 5 della procedura, ovvero al punto dove linux chiede lo spazio per essere installato, badate bene da 3 opzioni, 1 formatta hd... non mi ricordo che cosa, 2 formatta tutto hard disk, 3 crea manualmente spazio. Calma e sangue freddo non ntrippatevi con formatter magic e non cercate di installarlo con l'opzione 1, scegliete 2 formatta tutto hard disk pochi minuti una ventina circa per la precisione e il gioco è fatto.

Riavviate e benvenuti su linux, l'ambiente è quasi familiare, niente codici o stringhe sono cazzate per impaurire le persone generalmente ma non sempre fatte da i soliti esperti in informatica che pretendono di spiegare la teoria della relatività con linguaggio scientifico matematico a uno che non conosce la fisica e neppure la matematica(idioti,saggio è chi sa di non sapere,ci vuole umiltà e semplicità in qualsiasi cosa) . al prossimo post inizieremo e inizierò a cercare di utilizzare sto santo ubuntu.

Link: linux ubuntu (addio windows)