martedì 7 novembre 2006

NON TENTATE DI FREGARE I BAMBINI!!!

  • I bambini erano stati tutti fotografati, e la maestra stava cercando di convincerli a comprare una copia della foto di gruppo: «Pensate come sarebbe bello, quando sarete grandi, guardare questa foto e dire: "Questa è Sara, è un avvocato, o questo è Giorgio, è un dottore..."» Una vocina squillante dal fondo della classe gridò: «...e questa è la maestra, è morta!!!»
  • Una bambina stava parlando delle balene con la sua insegnante. L'insegnante disse che era impossibile per una balena ingoiare un umano perché anche se è un mammifero molto grande la sua gola è molto piccola. La bambina rispose che Jonah era stato inghiottito da una balena. Irritata, la maestra ripetè che era impossibile per una balena inghiottire un umano. La bambina a quel punto disse: «Quando andrò in paradiso lo chiederò a Jonah!» La maestra allora chiese: «E se Jonah fosse andato all'inferno?» La bambina replicò: «Allora glielo chiede lei!»
  • Una bambina era seduta in cucina e guardava sua madre che lavava i piatti. La bambina notò che sua madre aveva dei ciuffi di capelli bianchi che facevano contrasto con la sua testa bruna. Allora incuriosita le chiese: «Mamma perché alcuni dei tuoi capelli sono bianchi?» La madre rispose: «Vedi, ogni volta che fai qualcosa che mi fa piangere o mi rende infelice uno dei miei capelli diventa bianco!» La bambina ci pensò un momento e poi chiese: «Mamma, perché tutti i capelli della nonna sono bianchi?»
  • Un'insegnante stava spiegando alla sua classe la circolazione del sangue: «Allora, bambini, se io mi metto a testa in giù, come sapete, mi andrebbe il sangue alla testa e diventerei rossa in faccia.» «Sìììì...» rispose in coro la classe. «Allora ditemi, perché se sto in piedi in posizione normale il sangue non mi va nei piedi?» Un bambino gridò: «Perché i suoi piedi non sono vuoti!»
  • I bambini erano tutti in fila nella mensa di una scuola elementare cattolica. Sul tavolo c'era un grosso cesto pieno di mele. Una suora scrisse un biglietto e lo mise vicino al cesto: "Prendetene solo una, Dio sta guardando." Dall'altra parte del tavolo c'era un altro grande cesto pieno di biscotti al cioccolato. Un bambino ci mise vicino un biglietto: "Prendetene quanti ne volete, Dio sta guardando le mele."

Nessun commento: